Legge di stabilità 2014, siamo alla farsa

Nel corso dell’iter parlamentare di approvazione del Disegno di Legge di Stabilità 2014, un emendamento del PDL propone la sostituzione della TRISE con il TUC, ovvero il Tributo Unico Comunale. Con il TUC, il PDL prova a riscrivere totalmente la TRISE (composta da TARI e TASI) che era destinata a sostituire dal 1° gennaio 2014 la TARES e l’IMU.

Quello che avete appena letto non è un pezzo di satira di Maurizio Crozza, crozzama una citazione dal serissimo  Sole 24 Ore di oggi. Mentre il Paese è sotto la linea di galleggiamento, i due  partiti delle “larghe intese”  hanno intese talmente larghe che dentro ci sta praticamente di tutto, compresa anche qualche proposta di condono fiscale. Ci stanno dentro anche innumerevoli emendamenti, solo quelli del PD sono 600. Non ci sono misure per lo sviluppo, non ci sono provvedimenti per contrastare seriamente il male più grosso, che è l’evasione fiscale: ieri è rimasto solo papa Francesco a gridare contro i sepolcri imbiancati. Almeno lo ascoltassero.

 

Questa voce è stata pubblicata in L'Editoriale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

82 + = 85