Gli 80 euro di Renzi non sono per tutti

Gli ottanta euro promessi da Renzi ai lavoratori dipendenti, se mai arriveranno, non sono per tutti. Già immagino i lavoratori che faranno la fila a telefonarmi o a venire in studio per lamentarsi “ma dottore, non trovo in busta paga gli 80 euro che mi spettano, come mai?”. portafogli_vuoto
L’intenzione di ridurre il cuneo fiscale, cioè la differenza tra il costo lordo del lavoro e quanto rimane in tasca al lavoratore, è nobile ed encomiabile, ma non siamo sicuri che sia questo il metodo.
Il meccanismo che l’equipe del neo-premier immagina di applicare si basa su un aumento della detrazione per lavoro dipendente, proporzionale per fasce di reddito. In parole povere si tratta di uno “sconto” sulle trattenute Irpef in busta paga di mille euro l’anno per coloro che hanno un reddito lordo fino a 25 mila euro.

Dopo che abbiamo fatto alcune simulazioni applicando questa nuova detrazione, emerge che per larghe fasce di lavoratori, cioè quelli con famiglie monoreddito e figli a carico (due o più), i benefici saranno pochi o nulli quando il reddito è sotto i 16-20 mila, in quanto già non pagano Irpef o ne pagano pochissima, come evidenziato in questa tabella:

Raffronto IRPEF prima e dopo provvedimento Renzi
Come potete vedere, molti di coloro che si aspettano 80 euro in più a partire dalla busta paga di maggio resteranno delusi,  a meno di modifiche o correzioni del provvedimento. Si tratta appunto dei lavoratori appartenenti alle fasce di reddito  più basse, cioè coloro che più degli altri trarrebbero giovamento da una busta paga leggermente più pesante. Invece il provvedimento premia, per esempio, le famiglie con due redditi da lavoro dipendente entro i 24 mila euro ciascuno, che vedranno un bonus fiscale annuo di oltre 2 mila euro.

A parere di chi scrive, se si vuole ridurre il cuneo fiscale bisogna trovare le risorse per alleggerire il carico previdenziale che grava sia sul lavoratore che sul suo datore. Non si capisce perché il legislatore invece tenti sempre di agire sull’aspetto fiscale che, a parte alcuni aspetti da rivedere, mantiene tutto sommato caratteri di equità.

(e.m)

Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Gli 80 euro di Renzi non sono per tutti

  1. Pingback: Bonus Renzi da rifareRiccioli e Mirabella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *